Il tuo browser non supporta JavaScript!

VITA E PENSIERO

Rivista culturale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore

"I veleni della chimica, gettati sulla terra e nelle acque per 'migliorare' la natura, ormai ci tornano indietro: i depositi finali sono i nostri corpi. Ogni bene e ogni attività è trasformata in merce, e ha dunque un suo prezzo: si può comperare, vendere, affittare. Persino il sangue (dei vivi), gli organi (dei morti e dei vivi) e l'utero (per una gravidanza in 'leasing'). Tutto è diventato fattibile: dal viaggio interplanetario alla perfezione omicida di Auschwitz, dalla neve artificiale alla costruzione e manipolazione arbitraria di vita in laboratorio." Così scriveva l'ambientalista cattolico già leader di Lotta Continua Alex Langer nel 1990 in una immaginaria Lettera a san Cristoforo sui destini del pianeta. 

Ora la rivista "Vita e Pensiero" nel numero in uscita ripubblica il testo come editoriale con il titolo "La civiltà senza limiti e la gravidanza in leasing". "In questi mesi intorno alla vita e alla natura - si legge nella presentazione della rivista dell'Università Cattolica - abbiamo visto scatenarsi dibattiti, confrontarsi le opinioni, radicarsi i fondamentalismi. Così abbiamo deciso: rileggere Alex Langer e la sua Lettera a San Cristoforo aveva ancora qualcosa da dirci in tempi di Laudato Si’ e gravidanze surrogate. Non tanto per trovare insperate concordanze e nemmeno per un tentativo di strumentalizzazione, ma per provare a riflettere partendo da un punto di vista letteralmente estemporaneo." 

Tra gli altri articoli del nuovo numero un'ntervista all'intellettuale tedesco Habermas su filosofia e globalizzazione, una riflessione della filosofa ungherese Agnes Heller sui destini dell'Europa, un'analisi di Gluliano Vigini sui giovani e la lettura, la testimonianza di Eugenio Finardi suil futuro della musica italiana.

Dalla rivista vedi tutti gli articoli »

La redazione consiglia

È possibile definire la natura umana?

«È possibile recuperare un concetto condiviso di “natura” antropologica che impedisca di scivolare nelle sabbie mobili del relativismo (so che è sgradito tale termine, ma lo adotto come simbolo di una molteplicità sfaldata e babelica)»? Da questa domanda partiva il saggio del cardinale Gianfranco Ravasi "Breve riflessione sulla natura uman" (VeP 1/2016), sottolineando come la “natura umana” possa essere recuperata, in un quadro personalista, a partire dalla figura cristiana del “prossimo”. Tre filosofi provano ad articolare una risposta.

La redazione consiglia

La Chiesa senza le donne è un corpo mutilato

"L'assenza di donne nelle sfere decisionali della Chiesa come uno scandalo nella società contemporanea di cui non si vede una significativa inversione di tendenza”. Così scriveva due anni fa Lucetta Scaraffia su "VIta e pensiero". Quasi rispondendo a queste sollecitazioni, il Pontefice ha ipotizzato che una donna possa dirigere un dicastero vaticano.

L'analisi

Giovani e lettura: qualche dato positivo

Mentre è in corso il Salone del libro di Torino, alcuni dati sulla lettura dei giovani italiani sorprendono. L'analisi compiuta su "Vita e pensiero" nel numero in uscita prende in esame le letture dei giovani tra i 15 e i 24 anni, dal 2011 al 2015. Già 1,084 milioni di giovani ha letto o scaricato libri online negli ultimi 3 mesi e 1,010 milioni ha ordinato o acquistato libri, inclusi ebook, su internet negli ultimi 12 mesi.

La redazione consiglia

Anni di piombo, riconciliazione possibile?

Il nostro Paese ha fatto davvero i conti con il proprio passato sulla dolorosa pagina del terrorismo? Il Giorno della memoria delle vittime del terrorismo, che si celebra lunedì 9 maggio, è l’occasione per rivisitare alcuni articoli sulla memoria condivisa e sulla riconciliazione che i nostri concittadini hanno saputo o meno far proprie. Dall'analisi dello storico Agostino Giovagnoli alle parole di Mario Calabresi sul perdono all'excursus letterario di Ermanno Paccagnini.

La redazione consiglia

Gli immigrati cattolici in Italia dopo Lesbo

Sono 5 milioni gli immigrati che hanno raggiunto il nostro Paese negli ultimi 25 anni; di questi circa 1 milione i fedeli cattolici. La visita di papa Francesco a Lesbo è occasione per rileggere un intervento di Carmelina Chiara Canta, pubblicato sul n.2 del 2010 di "Vita e Pensiero", che pone l’attenzione sui migranti cattolici che vivono nelle parrocchie italiane,

La redazione consiglia

Accogliere lo straniero da Ricoeur a Francesco

Dopo le forti parole di Papa Francesco all’isola di Lesbo sui profughi che bussano alle porte dell’Europa, vale la pena richiamare alcune parole del filosofo francese Paul Ricoeur: "Le misure prese su scala europea troppo spesso smentiscono la tradizione di asilo e protezione dei diritti e delle libertà della persona”.

Ultimo fascicolo

Anno: 2016 - n. 2

Sommario »

Pinterest