Il tuo browser non supporta JavaScript!

VITA E PENSIERO

Rivista culturale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore

“Agnostici e cristiani: non c’è più differenza?” è il titolo di uno degli articoli più rilevanti del nuovo numero di “Vita e Pensiero”. Scritto dal filosofo francese Camille Riquier, il contributo pare seguire una famosa frase del cardinal Martini, che ricordava come in ognuno di noi convivano il credente e il non credente. Per l’autore la figura dell’agnostico oggi non è più isolata e ha reso più sfumata la frontiera che separava credenti e atei. Lo dimostrano due casi recenti: il romanziere Emmanuel Carrère e il filosofo Gianni Vattimo. A sua volta Dario Antiseri propone un itinerario attraverso i grandi pensatori che hanno affrontato le questioni di senso fondamentali in un testo dal titolo “La “grande domanda” e le “non ragioni” degli atei”Mentre il sociologo Mauro Magatti. affronta il tema “Se l’Europa rimane senza spirito e cuore”, facendo riferimento alle parole di Max Weber che riferendosi al futuro dell’Europa definiva «gli “ultimi uomini” specialisti senza spirito ed edonisti senza cuore».

Fra gli altri contributi, Gian Maria Vian, direttore dell’Osservatore romano, rievoca il 1978, l’anno che ha visto tre papi, e svela alcuni aspetti di quei 70 giorni che inaugurarono una stagione nuova per la Chiesa a livello mondiale; la storica Anna Foa ricostruisce la pagina amara delle leggi razziali volute da Mussolini nel 1938; Il saggista Armando Torno presenta l’opera “Attila” di Giuseppe Verdi, che inaugurerà la stagione della Scala il prossimo 7 dicembre.

Su arte e sacro si confrontano poi tre donne che sono alla guida di importanti musei italiani: Barbara JattaDomenica Primerano eNadia Righi parlano dei capolavori che sempre più attirano le folle del nostro Paese.

VP Plus+ vedi tutti gli articoli »

di: Giuseppe Lupo

UN NOBEL PER LA LETTERATURA? Oltre i confini del non-ancora-raggiunto

Se vogliamo immaginare chi meriterebbe di vincere il Nobel per la letteratura, dobbiamo cercare un autore che abbia il coraggio di andare oltre il già raggiunto e detto, che ci permetta di capire noi e il mondo in cui viviamo.

Dalla rivista vedi tutti gli articoli »

La redazione consiglia

I concili ecumenici nella vita della Chiesa

Dopo l’annuncio di un nuovo concilio da parte di San Giovanni XXIII, l’ultimo numero del 1960 fu dedicato ai concili nella vita della Chiesa. Il futuro beato Paolo VI, all’epoca Arcivescovo di Milano, aprì il fascicolo con una prolusione di grande interesse ancora oggi. Se da una parte situava con grande equilibrio l’evento conciliare nella vita della Chiesa, dall’altra invocava un dialogo con «un mondo progredito, ricercatore e sofferente, che senza saperlo marcia a ritroso verso Cristo». Pagine di grande bellezza teologica e letteraria, da gustare e meditare in vista della prossima canonizzazione (14 ottobre 2018).

Forum

Al museo per cercare le tracce del divino

Com’è possibile oggi parlare di arte sacra? Realizzare un dialogo aperto con gli artisti? E come rendere sempre più accessibili e comprensibili i capolavori del passato? Un confronto fra tre direttrici di musei

Frontiere

Trent’anni dopo, ritorno su "La fine della storia?"

A trent'anni dalla elaborazione della sua tesi, secondo cui il trionfo del mondo occidentale, con i suoi modelli e i suoi valori, era ormai un destino inevitabile, il politologo statunitense Fukuyama torna a riflettere sulla "fine della storia".

Editoriale

Carriquiry: La lezione del Sudamerica

Mentre gli Stati Uniti si chiudono e l’Europa vede sempre più forti spinte alla disgregazione, l’America Latina affronta la sfida dell’integrazione contro i nazionalismi. La lotta dei cristiani per l’inclusione, l’equità e uno sviluppo globale e solidale.

Editoriale

Il dono di Atena e le sfide per la Cattolica

La crescita degli investimenti in ricerca va collocata in un processo di attenta riflessione sull’evoluzione della didattica e del ruolo culturale dell’Ateneo. Per continuare a formare, con realismo e senza nostalgie, le nuove classi dirigenti.

L'inedito

Invito ai giovani contro il fascino del negativo

Un testo inedito del neo-arcivescovo di Milano Delpini scritto nel 1981 e dedicato al mondo degli adolescenti. L’invito a non diventare una generazione inoperosa e chiusa all’entusiasmo. L’idea di fondare un movimento, “Alleluia”, per vincere la tentazione del disimpegno.

Ultimo fascicolo

Anno: 2018 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Cent’anni dell’editrice, il futuro di una tradizione
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2018 - 4
Anno: 2018
Nel 2018 Vita e Pensiero celebra un anniversario importante. Nata nella consapevolezza del ruolo decisivo della cultura, ora vede due sfide per il futuro: il mestiere dell’editore e la sua qualità; la trasmissione della rilevanza della lettura nell’era digitale.
Gratis