Il tuo browser non supporta JavaScript!

VITA E PENSIERO

Rivista culturale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore

Certi popoli europei soffrono di eccesso di memoria, altri di difetto di memoria. Eppure, solo il senso della storia può far riscoprire l’Europa in quanto spazio d’integrazione delle migrazioni passate, presenti e a venire. È la grande lezione che si apprende dall’inedito del filosofo Paul Ricouer ospitato nell’ultimo numero di “Vita e Pensiero”. Un testo di grande attualità poiché sviscera un tema, quello del fenomeno migratorio, con cui il Vecchio Continente deve ancora fare i conti. 

Molti altri gli spunti di approfondimento che offre la rivista. Come il saggio dello storico Pierre Rosanvallon sull’idea di eguaglianza e sulle aporie che accompagnano la questione o le riconsiderazioni su antigiudaismo e antisemitismo dell’intellettuale Anna Foa. Da parte sua, il geopolitico Joseph Maïla riflette sul ruolo dei cristiani d’Oriente, che oggi rischiano l’estinzione; mentre il sociologo Mauro Magatti mette in guardia dagli svantaggi della robotizzazione del lavoro. 

In vista delle prossime elezioni, poi, Nando Pagnoncelli fa un’interessante panoramica sul voto degli italiani. Fra gli altri temi affrontati: la querelle tra Milano e Torino per il Salone del libro, su cui ritorna l’editore Roberto Cicala; la crisi in cui versa il cinema italiano, analizzata a tutto tondo dall’esperto dei media Massimo Scaglioni; l’importanza dell’educazione classica, anche al tempo di Internet, elogiata dal latinista Guido Milanese

Infine, lo psicanalista Luigi Zoja si addentra nel pianeta giovani alla ricerca di una nuova chiave di lettura di una generazione sempre più bistrattata.

 

VP Plus+ vedi tutti gli articoli »

di: Franco La Cecla

GOOGLE URBANISM. Una trappola per le città

Se pensate che il web sia la soluzione per tutto, se non vi accorgete che le istituzioni e le persone hanno molto da dare, se non volete essere ridotti a bersagli per la pubblicità, leggete questo pezzo; chissà, poi potreste voler fare una bella passeggiata in piazza.

Dalla rivista vedi tutti gli articoli »

La redazione consiglia

Gli ebrei, Auschwitz e le insidie della memoria

Mentre si avvicina la Giornata della memoria – e c’è ancora chi ha il coraggio di parlare di “razza” – ci sembrano attuali le parole di Anna Foa, pubblicate nel 2003. Abbiamo bisogno di ricordare la Shoah, senza però trasformare la memoria del dolore in una storiella a lieto fine e senza fare la graduatoria degli orrori, perché la conoscenza del passato e la responsabilità verso l’altro ci portino ad azioni giuste.

L'inedito

Ricoeur: L'Europa e la crisi della coscienza storica

Le patologie della memoria affliggono il Vecchio Continente. Certi popoli soffrono di eccesso di memoria, altri di difetto di memoria. Il senso della storia può far riscoprire l’Europa in quanto spazio d’integrazione delle migrazioni passate, presenti e a venire.

L'anniversario

Perché il Sessantotto nacque in Cattolica

Più che celebrare anni “formidabili”, vogliamo ricordare che l’impulso che animava i sessantottini - sostiene la storica Maria Bocci - era una richiesta di autenticità contro la società borghese, alimentata da settori del mondo cattolico.

Discussioni

Storia della massoneria tra segreti e anticlericalismo

Il 24 giugno 1717 si può considerare la data di nascita della prima Gran Loggia di Londra, dopo alcuni tentativi in Scozia. Lo storico Franco Cardini evidenzia la fede nel deismo, i rituali esoterici, la fedeltà fra gli affiliati. La posizione critica della Chiesa cattolica non è mai cambiata.

Focus

Donne CON uomini, l’avvenire della Chiesa

Nel 1963 papa Giovanni invitava a considerare l’accesso delle donne alla vita pubblica come un segno dei tempi. Dopo più di 50 anni, s’impone la domanda: la Chiesa, da allora, ha effettivamente onorato quel segno, in parole e azioni? Anne-Marie Pelletier ripercorre il ruolo delle donne nella Chiesa dal Concilio a Papa Francesco

Editoriale

Carlo Maria Martini: don Milani oggi

Una rilettura originale della vicenda del priore di Barbiana: il primato della Parola e dei poveri e il radicalismo evangelico, ma anche la curiosa assenza della donna e della Chiesa come comunione. Un pioniere senza il Concilio.

Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ma gli italiani votano di testa o di pancia?
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 6
Anno: 2017
In vista delle prossime elezioni, delusione e scetticismo sembrano dominare l’opinione politica dei nostri concittadini. Il comportamento di voto diventa sempre più emotivo e sempre meno razionale. Il pericolo delle fake news e dei populismi.
Gratis
Pinterest