Il tuo browser non supporta JavaScript!

Ornaghi: Ossessione burocrazia

19.01.2016
Ossessione burocrazia, sintomo della crisi sociale
Ossessione burocrazia, sintomo della crisi sociale
autori: Lorenzo Ornaghi
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »
Ancora pochi anni fa, nella percezione e secondo l’opinione della quasi totalità di noi cittadini, la “burocrazia” – il cui nome, da quando fu coniato o più efficacemente impiegato dal fisiocratico Vincent de Gournay, gode dell’inesausta fortuna dei termini maligni e però non surrogabili con un rassicurante sinonimo – era da considerare tutt’uno con la sindrome vessatoria-paralizzante dell’amministrazione pubblica, se non dello Stato medesimo. La quale pubblica amministrazione, trasformatasi vertiginosamente – dall’Ottocento in poi – in una sorta di ciclopica macchina di produzione, distribuzione e applicazione imperiosa (ancorché confusa e, spesso, artatamente equivoca) di norme regolamentari, procedure e balzelli vari dentro cui irreggimentare ogni possibile rapporto fra il cittadino e lo Stato, aveva così capovolto o forse portato alla sua fatale estenuazione storica quell’ambiziosa capacità “razionale” e “razionalizzante”, di cui – nel Seicento e Settecento, i secoli d’oro dell’organizzazione statale del potere – ci s’immaginava fossero dotate le istituzioni amministrative del fi orente, “moderno” Stato. Per fermarci alla nostra letteratura e non sconfinare nell’arte cinematografica, prolifica di scene ancora più esilaranti (o avvilenti) riguardo a tutto ciò che per motivi di dignità è preferibile avvolgere nei larghi panni della “irragionevolezza” della burocrazia, restano tuttora illuminanti – almeno per quanto riguarda quella particolarissima fattispecie burocratica che è la burocrazia ministeriale – le pagine di L’Orologio di Carlo Levi, pubblicato per la prima volta nel 1950, o di Misteri dei Ministeri, che viene alla luce due anni dopo, di Augusto Frassineti. 
Sembra, quella, un’epoca ormai sideralmente lontana da questa nostra stagione. E non già perché invadenze e pervasività della burocrazia, o comportamenti più o meno balzani o protervi dei burocrati in carne e ossa, si siano ridimensionati o appaiano cambiati dopo la caduta del muro di Berlino, o con l’avanzata della globalizzazione, o – qui, nel nostro Paese – con la fine del sistema dei vecchi partiti e la loro sostituzione con smottanti conglomerati di partito del leader.
Semplicemente perché, invece, oltre alla burocrazia famigerata e sin troppo caricaturizzata, auto-riproduttiva, prevedibilmente molesta e in più casi irritante, ci sentiamo avviluppati ogni giorno di più in una burocrazia che nasce e cresce laddove non ce lo saremmo mai aspettati. Ossia in quegli ambiti del cosiddetto privato – più estesamente e
non imprecisamente potremmo dire: in quasi tutte le relazioni sociali “obbligate” – che per una sorta di atavico riflesso sono sempre stati considerati l’antitesi della “logica” di decisione, attività e perpetuazione del potere burocratico-statale. Ed è, quest’altra, una burocrazia che – forse figlia della prima, o invece parente nemmeno troppo stretta – rischia di stremarci subdolamente, sottraendoci giorno dopo giorno quell’essenziale ossigeno che si respira nei nostri più custoditi (sin qui) spazi di libertà.

Lorenzo Ornaghi

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

La via femminile del Novecento italiano
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 4 | anno: 2017 | numero: 4
Anno: 2017
Morante, Ortese, Ginzburg: ecco la triade che ha segnato la letteratura, ma anche il pensiero, per colmare il divario con l’universo maschile. Eppure l’assenza di donne nelle classifiche è ancora pesante. E un caso Ferrante non fa primavera.
Gratis
Pinterest