Il tuo browser non supporta JavaScript!

Riccardi: La terza guerra mondiale e la pace da costruire

11.03.2015
La terza guerra mondiale e la pace da costruire
La terza guerra mondiale e la pace da costruire
autori: Andrea Riccardi
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »
Oggi la pace è minacciata. Tutti siamo molto ansiosi. Non fosse che per la nuova minaccia terroristica. C’è poi la guerra infinita da più di mezzo secolo in Terra Santa. Complessivamente si calcolano 26 situazioni di conflitto aperte: dalla Colombia al Pakistan, alla Nigeria con Boko Haram, ma soprattutto Siria e Iraq. Per non parlare del conflitto tra Ucraina e Russia, che ha riportato la guerra in Europa. Incombe la minaccia del terrorismo, con la sua violenza cieca, capace di colpire, come a Madrid l’11 marzo 2004 con la morte di quasi 200 persone. È di qualche mese fa la sfida del Califfato ai Paesi europei, che si va qualificando come sfida globale con i suoi messaggi mediatici e iconici (le decapitazioni) di terrore. E come dimenticare i recenti fatti di Parigi? C’è un intreccio tra religione e violenza, che spinge alcuni a sostenere che le religioni, in particolare l’islam, sono veicoli di violenza. Si manifesta inoltre una violenza diffusa, criminale di massa, come le mafie. Conosco le maras salvadoregne, mafie di giovani, che hanno ucciso un giovane di Sant’Egidio, William. Dopo il 1989, con la fine del comunismo, la mia generazione ha sperato in una pace solida. C’erano le condizioni per una lunga stagione di pace.

Scarica e leggi l'articolo completo.
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 5

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Contro la decadenza il ricorso al "sublime"
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 5 | anno: 2017 | numero: 5
Anno: 2017
È il segreto della Repubblica delle Lettere ma anche di ogni civiltà che vuole sopravvivere: perciò vale la pena rileggere il trattato sulla bellezza scritto da un anonimo mentre il cristianesimo era agli albori. Un inno alla libertà creativa in epoche di crisi.
Gratis
Pinterest