Il tuo browser non supporta JavaScript!

NOTRE DAME: DALLE MACERIE AL CIELO

20.04.2019
di Carlo Ossola

L’incendio che ha distrutto, il 15 aprile scorso, il tetto, la flèche della cattedrale di Notre-Dame di Parigi e gravemente danneggiato vetrate e strutture, lascia dietro di sé sgomento, dolore, interrogativi ai quali il tempo e le indagini dovranno dare risposta.

Qualche osservazione può tuttavia essere avanzata sin dalle prime ore: il tempio resterà inagibile per molti anni, forse decenni; turisti (milioni ogni anno) si riverseranno altrove, magari al vicino Louvre; ma, da ieri sera, molti fedeli in preghiera al parvis antistante attendono una risposta. Non quella della polemica: abito in una via a Parigi che è sovrastata dal Pantheon, monumento degli eroi della Francia laica, e chiusa in basso dalla vista delle torri di Notre-Dame; ora mentre lo Stato - che è proprietario di entrambi i monumenti - ha speso somme ciclopiche per consolidare il Pantheon, ha lasciato briciole a Notre-Dame. Non di questo si tratta, anche se lascia molte ombre sulla equità della laicità dello Stato francese, ma della risposta che occorre dare a chi vive in Notre-Dame una parte del quotidiano di credente.

Ho sentito appelli a confluire nella vicina chiesa di Saint-Gervais; potrà essere un rimedio provvisorio per la già iniziata Settimana Santa. Ma una meditazione più profonda è chiesta dal nostro tempo: non pare a me sensato ricostruire per decenni la cattedrale com’era prima dell’incendio, frutto di rifacimenti e snaturamenti successivi sino al rimaneggiamento radicale di Viollet-le-Duc nell’Ottocento; sarebbe un ripristinare un falso con un nuovo falso sotto il patronato di magnati (che si sono già manifestati offrendo centinaia di milioni di euro) che nulla hanno a che fare con l’annuncio evangelico.

Nel tempo in cui i simboli della potenza mondana creano opere di mole immensa, sovrastanti e soggioganti, un cristianesimo fedele alle proprie radici dovrebbe trarre da questa prova i segni di avvenire che essa porge: una chiesa di resti, aperta sul cielo, come a San Galgano; una cattedrale ove si celebra nella pioggia e nel vento, memori che «le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo» (Mt 8,18).

Così, mentre la Sagrada Familia a Barcelona sta definitivamente, compiendosi, per chiudere il suo cielo ai passeri e alle stelle, esso si riapre a Notre-Dame, per ricordare che siamo in via soltanto (dal parvis parte infatti uno dei più importanti cammini verso Compostela, salendo lungo la rue Saint-Jacques appunto), pellegrini e non domini.

Spero che la Messa venga celebrata, ora e negli anni a venire, sul sagrato o, appena agibili, tra le alte e fragili pareti che hanno rinunciato a serrare il cielo. Come a San Galgano, non ci sarà bisogno di statue di angeli, perché lì si vedrà la loro ombra passare nei refoli e nelle nuvole, non ci sarà bisogno di organi perché gli uccelli vi faranno nido e canto.

Poiché ciò che è più urgente oggi è ricostruire la speranza, che non ha bisogno di mura, ma di varcarle - le nostre mura di sicurezza, di egoismo, di pigrizia.

Ite, missa est.

(l'illustrazione è un inedito e originale di Andrea Musso)

Carlo Ossola

Carlo Ossola (Torino 1946) è filologo e critico letterario. Socio dell’Accademia dei Lincei e membro del Consiglio scientifico dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, insegna al Collège de France, cattedra di «Letterature moderne dell’Europa neolatina», e dirige l’Istituto di Studi italiani dell’Università della Svizzera Italiana a Lugano. I suoi saggi, in cui la ricerca filologica è sapientemente intrecciata alla storia delle idee, si rivolgono alla cultura rinascimentale come ad autori contemporanei quali Ungaretti e Calvino, dedicandosi anche all’analisi dello spazio letterario e delle figure che lo popolano.

Guarda tutti gli articoli scritti da Carlo Ossola
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2019 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Dopo il Grande Torino, il calcio senza eroi
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2019 - 2
Anno: 2019
Era il 4 maggio del 1949, alle 17.05, quando il volo di ritorno da Lisbona si schiantò sulla collina di Superga. Un ricordo di quella “squadra inarrivabile”, una leggenda che emana ancor oggi una forza prodigiosa e scuote di emozioni il cuore.
Gratis