Il tuo browser non supporta JavaScript!

SI PUÒ CREDERE SOLO NEL SENSO DELL'INCREDIBILE

20.04.2019
di Silvano Petrosino

Parto da due passaggi del Vangelo di Matteo. Gesù parla della misericordia e ne parla nella forma del rimprovero: «Andate a imparare che cosa vuol dire: Misericordia io voglio e non sacrifici. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori» (Mt 9,13). Nel secondo brano Gesù, rivolgendosi ai farisei, afferma: «Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrifici, non avreste condannato persone senza colpa» (Mt 12,6-7).

Si tratta di due rimproveri: non avete capito, non capite, dovreste ritornare a leggere. Come è noto non si fa altro, non si dovrebbe far altro: non si smette mai di imparare a leggere e di imparare a scrivere. Gesù insiste: «non avete capito». Rispetto a una simile «incomprensione» Gesù si configura precisamente come colui che ha compreso fino in fondo la parola di Dio, o meglio come colui che ha compreso il senso stesso del logos biblico. Gesù rimprovera i suoi interlocutori, ed evidentemente anche noi, di non aver compreso questo «senso»; rispetto a una simile incomprensione, Egli si propone come Colui che invece lo ha compreso.

Ma che cosa in verità noi facciamo sempre fatica a comprendere, che cosa non comprendiamo? In effetti tutti noi comprendiamo il «significato» della parola misericordia; a tale riguardo basta consultare un dizionario della lingua italiana e magari, se si vuole approfondire un po' l'argomento, anche un dizionario teologico. Da questo punto di vista, ad esempio, non si può pensare che i farisei, uomini pii e devoti, non comprendessero il «significato» della parola misericordia; eppure Gesù insiste: in verità voi non avete capito, e non avete capito proprio perché vi fermate al «significato» senza aprirvi al «senso». Il significato non è il senso; il significato è la strada che conduce al senso senza poterlo tuttavia mai esaurire.

È l'identica scena che si ripete con i discepoli di Emmaus a proposito della resurrezione di Gesù (Lc 24,13-35). Siamo un po' tutti come questi discepoli: abbiamo ascoltato delle parole, abbiamo partecipato a dei riti, abbiamo più volte affermato di credere, eppure procediamo «col volto triste» (v. 17) e continuiamo a ripeterci che «sono già passati tre giorni» (v. 21) e non è successo niente, come dimostra il fatto che la vita, che la nostra vita, continua a procedere monotonamente con tutti suoi orrori e le sue ingiustizie.

E allora Gesù che cosa fa? Fa quello che il Dio biblico ha sempre fatto: Egli, che si è rivelato nella storia, che ha scelto di manifestarsi non nell'istante di una illuminazione o nel bagliore fulminante di una mistica visione ma nel tempo lento e aggrovigliato della storia, inizia a raccontare delle storie: «E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui» (v. 27). Per cogliere il senso di una storia bisogna avere il tempo e la pazienza di seguire il racconto delle storie.

La resurrezione di Gesù non è un atto magico che all'improvviso, «cadendo dal cielo», entra in scena, entra nella scena umana, al fine di risolvere come d'incanto, miracolosamente, i nostri infiniti problemi. Probabilmente è proprio queste l'idea che aveva il ricco epulone (Lc 16,19-31): «Allora, padre [Abramo], ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento» (vv. 27-28): chi non crederebbe alla parola di uno che viene dal mondo dei morti, alla parola di un risorto? Ma «Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”» (v. 31).

Anche la resurrezione di Gesù esige e sollecita ogni volta la comprensione del suo senso, un senso che non finisce di sfidarci con un incredibile che tuttavia è degno di fede. In effetti, così come la «corruzione» della carne non attende certo l’istante della morte per cominciare a finire e per iniziare a dissolversi, analogamente questa Sua resurrezione non ha certo atteso l’istante della resurrezione per cominciare a risorgere poiché essa, in un certo senso e forse nel suo senso più rigoroso, aveva già iniziato a farlo all’interno del presente stesso del Suo modo d’essere, del Suo modo di nominare e dominare, o più in generale ancora: all’interno del Suo specifico modo di abitare la vita e di prendersi cura dell’esistenza intera.

È questo modo di abitare il «qui» (da risorto) a rendere degno di fede il «là» (della Sua definitiva resurrezione); risuona così ancora una volta il rimprovero di Gesù: voi non cogliete il senso tra il «qui» e il «là», voi vi fermate al significato del «qui» e del «là» e non riuscite a seguire il senso che lega il primo al secondo. In un periodo come questo in cui, anche in ambienti cattolici, ritornano a risuonare inquietanti parole come «sovranità», «identità», «respingimenti», ecc., forse converrebbe ritornare a leggere nella speranza di riuscire prima o poi anche a comprendere: «Se aveste compreso che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrifici, non avreste condannato persone senza colpa» (Mt 12,7).

Silvano Petrosino

Silvano Petrosino (Milano 1955), studioso di filosofia contemporanea, si è occupato prevalentemente dell’opera di M. Heidegger, E. Lévinas e J. Derrida. Oggetto dei suoi studi sono la natura del segno, il rapporto tra razionalità e moralità, l’analisi della struttura dell’esperienza con particolare attenzione al rapporto tra la parola e l’immagine. Insegna Filosofia della comunicazione presso l’Università Cattolica di Milano. Il suo ultimo libro, pubblicato da Vita e Pensiero, è "Contro la cultura".


Guarda tutti gli articoli scritti da Silvano Petrosino
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2019 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Dopo il Grande Torino, il calcio senza eroi
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2019 - 2
Anno: 2019
Era il 4 maggio del 1949, alle 17.05, quando il volo di ritorno da Lisbona si schiantò sulla collina di Superga. Un ricordo di quella “squadra inarrivabile”, una leggenda che emana ancor oggi una forza prodigiosa e scuote di emozioni il cuore.
Gratis