Il tuo browser non supporta JavaScript!

VITA E PENSIERO - 2015 - 6

digital VITA E PENSIERO - 2015 - 6
Fascicolo digitale
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo 6 - 2015
titolo VITA E PENSIERO - 2015 - 6
editore Vita e Pensiero
formato Fascicolo digitale | Pdf
€ 10,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Ripensare il populismo nella società dell’uguaglianza. È quanto suggerisce lo storico Pierre Rosanvallon per contrastare le tentazioni riduttrici di tale fenomeno politico, che si stanno sviluppando nelle democrazie europee.

L’analisi dello storico francese è uno dei tanti contributi raccolti nel numero 6/2015 di "Vita e Pensiero", attraversato da saggi, commenti e interventi di intellettuali del panorama nazionale e internazionale. Tra questi, l’articolo di Joseph Maïla, professore di Geopolitica all’École supérieure des sciences économiques et commerciales, che s’interroga sul perché così spesso il nome di Dio sia invocato per giustificare massacri, violenze, guerre. L’inedito del filosofo inglese Michael Dummett, scomparso nel 2011, offre un’attualissima riflessione su cattolicesimo, ordine mondiale e atteggiamento verso il terrorismo. Il breve saggio filosofico di Rémi Brague, che si sofferma sul “thumos” – coraggio –, quella facoltà che consente all’uomo di distinguersi dagli altri esseri viventi.

Tra i vari approfondimenti, quello sulla burocrazia di Lorenzo Ornaghi, ministro per i Beni e le Attività culturali dal novembre 2011 all’aprile 2013; sui concetti di possesso e utilizzo letti in chiave psicologica da Sergio Astori, docente di Psicofarmacologia all’Università Cattolica; sulle recenti acquisizioni e fusioni nel settore librario italiano, spiegate dall’esperto di editoria Giuliano Vigini. Da ultimo, Giuliana Bendelli, docente di Letteratura inglese in Cattolica, propone un percorso di lettura non convenzionale dell’opera di Ezra Pound e della sua sensibilità ecologica, ancora poco esplorata.


Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

La via femminile del Novecento italiano
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 4 | anno: 2017 | numero: 4
Anno: 2017
Morante, Ortese, Ginzburg: ecco la triade che ha segnato la letteratura, ma anche il pensiero, per colmare il divario con l’universo maschile. Eppure l’assenza di donne nelle classifiche è ancora pesante. E un caso Ferrante non fa primavera.
Gratis
Pinterest