Libri di Francesco Olgiati - libri Rivista Vita e Pensiero

Francesco Olgiati

Francesco Olgiati
autore
Vita e Pensiero

Francesco Olgiati, nato nel 1886 a Busto Arsizio e scomparso a Milano nel 1962, compì gli studi liceali e teologia nei seminari diocesani. Ordinato sacerdote nel 1908 nel Duomo di Milano dal cardinale Ferrari, fu chiamato da padre Gemelli a collaborare alla Rivista di Filosofia Neo-scolastica (1909), a Vita e Pensiero (1914), alla Rivista del Clero italiano (1920). Nel '21 fu tra i fondatori dell'Università Cattolica. Conseguita la libera docenza in filosofia, iniziò nel 1924 la sua attività accademica come incaricato di metafisica e di storia della filosofia moderna nella Facoltà di lettere e filosofia dell'Ateneo cattolico, che continuò come ordinario fino al 1961. Tra le sue pubblicazioni più importanti L'anima di San Tommaso nel 1922, Il sillabario del Cristianesimo nel 1924 e Il sillabario della morale cristiana (1929) e della teologia (1952). 

Condividi:

Titoli dell'autore

Che cos'è una facoltà cattolica di medicina e chirurgia digital
Anno: 1986
€ 4,00
Il problema della scuola e il congresso di Napoli digital
Anno: 1962
€ 4,00
Un memorando Congresso di filosofia dopo il Concordato digital
Anno: 1961
€ 4,00
La figura e l'opera di Pio XII in una rievocazione del card. Tardini digital
Anno: 1960
€ 4,00
Il primo anno di pontificato di Giovanni XXIII digital
Anno: 1959
€ 4,00
La questione romana e san Pio X digital
Anno: 1959
€ 4,00
Bernanos: i suoi romanzi, il suo problema digital
Anno: 1959
€ 4,00
Il fondatore dell'Università Cattolica del S. Cuore digital
Anno: 1959
€ 4,00
Giovanni XXIII digital
Anno: 1958
€ 4,00
L'anima di un Gesuita. Rilievi storici in una biografia di p. Enrico Rosa digital
Anno: 1957
€ 4,00
 

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Nel fuoco e nel sangue la fine di Smirne, la bellissima
Formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 6
Anno: 2022
Un secolo fa si consumava l’ultimo atto della persecuzione scatenata dai turchi verso le minoranze cristiane dell’impero: armeni, greci e siriaci. Dopo il genocidio armeno del 1915 e la fine della prima guerra mondiale, la città venne messa a ferro e fuoco.
Gratis

Inserire il codice per attivare il servizio.