Il tuo browser non supporta JavaScript!

Guido Oldani

Guido Oldani
autore
Vita e Pensiero

Guido Oldani (1947), poeta, è l’ideatore del Realismo Terminale, movimento nato al Salone del libro di Torino nel 2014 col Manifesto breve di G. Oldani, G. Langella ed E. Salibra. Nel 2019 in Cina gli è stato assegnato l’International Poetry Award 1573.

Condividi:

Libri dell'autore

Dopo l’Occidente: per un nuovo cammino novitàdigital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 1
Anno: 2021
L’Occidente crede che il proprio dolore appartenga per forza a tutto il mondo. È una crisi profondissima, in cui la cultura del frammento – di cui i segni sono molteplici – va di pari passo alla traiettoria del tramonto. Per uscirne occorre uno sguardo mistico.
€ 4,00
Fra arte e poesia come può rinascere il sacro digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2020 - 2
Anno: 2020
Questo è il tempo dei pensieri draconiani, delle violenze inaudite, delle solidarietà francescane, ma poi il pensiero, quando deve schierarsi, rimane timido e incerto. Siamo nella notte bianca della cultura. E la religione non può ridursi a patetica simildevozionalità.
€ 4,00
Il pensiero in panne: trionfa la cultura “molle” digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 6
Anno: 2017
Altro che pensiero debole o società liquida: schiacciata dal peso del Novecento, la nostra è la società del dolore che di liquido ha solo il sanguinamento. Mentre chef e stilisti diventano i nuovi maîtres-à-penser. Il neorococò dello spirito.
€ 4,00
Il ring sempre aperto della poesia religiosa digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2016 - 3
Anno: 2016
Ecco alcuni appunti del poeta Guido Oldani per un possibile Manifesto in quella che è stata definita l’era del realismo terminale: perché non è affatto detto che «la bellezza ci salverà».
€ 4,00
Verso il “realismo terminale”: l’oggetto vince sul soggetto digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2012 - 5
Anno: 2012
Sta avvenendo una rivoluzione sociale che la poesia deve cogliere, come fece il futurismo nel Novecento: il naturale si apprezza in quanto somigliante all’artificiale e la realtà degli oggetti trascina l’umanità al guinzaglio negli “accampamenti” urbani.
€ 3,60
 

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 1

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ludwig Wittgenstein, la religiosità negata
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 1
Anno: 2021
Delimitare il “dicibile” per proteggere l’“ineffabile”: è questo il senso del Tractatus, di cui i neopositivisti hanno dato una lettura parziale. Una vena spirituale sempre presente, sin da quando, prigioniero a Cassino, leggeva il Vangelo e Dostoevskij ai detenuti.
Gratis