Libri di Maria Sticco - libri Rivista Vita e Pensiero

Maria Sticco

Maria Sticco
autore
Vita e Pensiero
Maria Sticco (1891-1984), stretta collaboratrice di Armida Barelli con la quale diresse la rivista per la Gioventù femminile «Fiamma Viva», è stata docente di Letteratura italiana dell’Università Cattolica. Autrice di numerose opere di largo successo nel Novecento, come Il dovere e il sogno o la biografia di San Francesco e Santa Chiara d’Assisi, si specializzò in quest’ultimo genere, distinguendosi per uno stile vivace e la capacità di cogliere la psicologia individuale dei personaggi narrati. A questo riguardo spicca il ritratto di Agostino Gemelli, con il quale collaborò assiduamente. Direttrice della rivista «Vita e Pensiero» dal 1962 al 1967, nel 1975 Paolo VI la insignì della croce pro Ecclesia et Pontefice, a riconoscimento dell’attività svolta presso l’Ateneo. Nello stesso anno le fu conferita, con decreto del presidente della Repubblica, la medaglia d’oro dei benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte.
Condividi:

Titoli dell'autore

Rezzato digital
Anno: 1969
€ 4,00
Nota dantesca digital
Anno: 1967
€ 4,00
Omaggio a Dante digital
Anno: 1966
€ 4,00
Edizione incompiuta digital
Anno: 1964
€ 4,00
La coda di Minosse digital
Anno: 1963
Scarica
Una «Giornata» quarantenne digital
Anno: 1963
€ 4,00
Giovanni XXIII negli annali dell'Università del Sacro Cuore digital
Anno: 1963
€ 4,00
La parola della verità e la verità della parola digital
Anno: 1963
€ 4,00
Giulio Salvadori biografo e poeta di san Francesco digital
Anno: 1962
€ 4,00
Olgiati scrittore digital
Anno: 1962
€ 4,00
Poesie e poesie digital
Anno: 1961
Scarica
Gli editori di Michelangelo digital
Anno: 1961
€ 4,00
 

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Nel fuoco e nel sangue la fine di Smirne, la bellissima
Formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 6
Anno: 2022
Un secolo fa si consumava l’ultimo atto della persecuzione scatenata dai turchi verso le minoranze cristiane dell’impero: armeni, greci e siriaci. Dopo il genocidio armeno del 1915 e la fine della prima guerra mondiale, la città venne messa a ferro e fuoco.
Gratis

Inserire il codice per attivare il servizio.