È possibile definire la natura umana?

È possibile definire la natura umana?

Il politeismo dei valori e la natura umana
Il politeismo dei valori e la natura umana
autori: Michele Lenoci, Laura Boella, Carla Canullo
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »
«È possibile recuperare un concetto condiviso di “natura” antropologica che impedisca di scivolare nelle sabbie mobili del relativismo (so che è sgradito tale termine, ma lo adotto come simbolo di una molteplicità sfaldata e babelica)»? Da questa domanda partiva il saggio del cardinale Gianfranco Ravasi Breve riflessione sulla natura umana (VeP 1/2016), sottolineando come la “natura umana” possa essere recuperata, in un quadro personalista, a partire dalla figura cristiana del “prossimo”.

Tre filosofi nel nuovo numero della rivista dell'Università Cattolica provano ad articolare una risposta. Michele Lenoci sottolinea che «persona e relazione offrono … una base solida e solidamente classica» per un dialogo con il pensiero contemporaneo: si tratta di categorie da «precisare» perché l’incontro tra temi della tradizione e correnti contemporanee si verifichi davvero. È una precisazione che può funzionare solo a patto di evitare la vera ragione del venir meno del concetto di “natura umana”, ossia «il modo rigido e fisso con cui esso viene inteso e modulato»: relazione e persona andrebbero coniugate con l’apertura al futuro da un lato, con la categoria del “possibile” dall’altro.
Laura Boella punta a individuare un terreno medio per la relazione. Il duplice attacco al soggetto, ora ridotto a circuiti di stimolo-reazione neurobiologici, ora “dissolto” in una serie di relazioni impersonali nella connessione permanente dei social network trova una diga nell’esperienza personale dell’incontro con l’altro: è la «rude alterità dell’altro», nell’espressione di Jankélévitch, a porsi come «compito etico» per chiunque voglia vivere la propria vita in una dimensione non puramente sociale o biologica, ma come «punto di intersezione … tra singolarità ed essenza dell’umano».

La cifra della relazione è, per Carla Canullo, la fragilità. È «fragile… qualcosa che può essere perduto, che è appeso al filo (più o meno sottile) dell’attenzione che gli sarà prestata»: fragile perciò non è qualcosa di negativo, ma è «un positivo che deve essere salvaguardato, appunto, per non essere perduto». La fragilità dell’umano appare irriducibile – non possiamo aggirare il dato – ma non è irrifiutabile: se curiamo e accogliamo i nostri simili (a partire dai loro corpi) l’umano “rifiorisce”, altrimenti “muore”.

Insomma, una natura umana è possibile, e per questo non è possibile naturalizzarla.

Roberto Presilla

Roberto Presilla è docente di Filosofia contemporanea presso la Pontificia Università Gregoriana ed è direttore del Forum delle Associazioni Familiari. Si occupa di questioni legate al significato e alla formazione della mentalità. Tra le sue pubblicazioni: Significato e conoscenza. Un percorso di filosofia analitica (2012). È membro della redazione della rivista dell'Università Cattolica "Vita e Pensiero".

Guarda tutti gli articoli scritti da Roberto Presilla
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Viaggio alle radici del nuovo odio dei classici
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 4
Anno: 2021
Il processo alle discipline umanistiche in voga in Occidente, soprattutto negli Usa, riapre la riflessione sulla storia del classicismo come modello culturale. Un’eredità da salvaguardare, che ha visto intrecciarsi positivamente culture e religioni differenti.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento