Gli immigrati cattolici in Italia dopo Lesbo

Gli immigrati cattolici in Italia dopo Lesbo

Immigrati e cattolici: stranieri in “chiesa” propria
Immigrati e cattolici: stranieri in “chiesa” propria
autori: Carmelina Chiara Canta
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »


La visita di papa Francesco a Lesbo, insieme al patriarca ecumenico Bartolomeo e all’arcivescovo di Atene Hieronimus II,  è occasione per rileggere un intervento di Carmelina Chiara Canta, pubblicato sul n.2 del 2010 di "Vita e Pensiero"; un racconto di frontiere esperite dai migranti non solo nell’attraversare i differenti Paesi ma anche nella quotidianità e nella stessa esperienza di vivere la fede. Canta pone l’attenzione sui migranti cattolici che vivono nelle parrocchie italiane, spesso in maniera invisibile, con poche interazioni con i fedeli italiani. Si convive, si divide uno stesso spazio ma non per questo ci si incontro, ci si ascolta, ci si riconosce.

«In questa fase non è possibile parlare di integrazione piena degli immigrati cattolici nel tessuto religioso italiano. Siamo piuttosto in una sorta di pluralismo religioso interno (“multireligiosità cattolica”); spesso i credenti provenienti da altri Paesi vivono come se appartenessero a confessioni differenti». Eppure fondazione Migrantes ci ricorda che sono 5 milioni gli immigrati che hanno raggiunto il nostro Paese negli ultimi 25 anni; di questi circa 1 milione i fedeli cattolici.

La visita di papa Francesco a Lesbo diventa dunque emblematica nel riaffermare ancora una volta che le migrazioni sono occasione sia di dialogo reale (non di speculazione dialettica) sia di rilettura delle nostre politiche di integrazione e delle nostre pratiche di accoglienza, di “fare spazio”, in un momento storico cruciale. I dati più recenti, infatti, confermano il 21° come il secolo delle grandi migrazioni; dal 1990 al 2013, secondo l’ultimo rapporto di Caritas Italiana e Fondazione Migrantes (il XXIV), il numero delle persone che hanno lasciato il proprio paese d’origine è aumentato del 50,2%, con un’impennata a partire dal 2000. Con riferimento al medesimo arco temporale e all’Europa, la percentuale di migranti è aumentata del 47,7%.

I migranti di Lesbo sono persone la cui esperienza è fortemente tesa al raggiungimento di una meta sempre più agognata e sempre più irraggiungibile, in un’Europa affaticata e molto spesso insensibile all’ascolto, al riconoscimento di volti e storie, sia alle sue frontiere sia al proprio interno. C’è Lesbo, c’è Idomeni, ci sono tanti spazi/situazioni liminali e poi ci sono le nostre periferie culturali, quelle dove pur convivendo non esistono ancora esperienze di quotidiana convivialità. Ma, come suggerisce Camelina Chiara Canta «le contaminazioni e i cambiamenti non tarderanno a prodursi».

Eugenia Montagnini

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Viaggio alle radici del nuovo odio dei classici
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 4
Anno: 2021
Il processo alle discipline umanistiche in voga in Occidente, soprattutto negli Usa, riapre la riflessione sulla storia del classicismo come modello culturale. Un’eredità da salvaguardare, che ha visto intrecciarsi positivamente culture e religioni differenti.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento