Il tuo browser non supporta JavaScript!

Totò, il dinamitardo della lingua

“Come si può parlare adeguatamente di un Principe? Come si può parlare sensatamente di un Principe che per tutta la vita si è occupato della risata? E soprattutto ha senso tentare di parlare dell’arte del Principe della risata?”: a partire da queste domande Giacomo Poretti commenta l’anniversario della morte di Totò, avvenuta il 15 aprile 1967, sul nuovo numero di “Vita e Pensiero”. “Nel tentare di rispondere a queste domande – rileva il comico - provo lo stesso imbarazzo di quando viene chiesto, a me e ai miei amici Aldo e Giovanni, cosa intendiamo dire con quella determinata scena o battuta, come facciamo a pensare una gag, o a farci venire un’idea. Verrebbe da rispondere che qualunque artista, pittore, scrittore o comico, ha già spiegato tutto con il suo quadro, il suo romanzo o il suo sketch; quello che aveva da dire lo ha già esternato in maniera esaustiva nel lavoro che offre al pubblico, e che addirittura qualsiasi cosa detta a posteriori non solo non aggiungerebbe nulla di significativo, ma addirittura rischierebbe di stravolgere il significato contenuto nel lavoro. Invece su come nascano le idee e le gag converrebbe rivolgersi al Padreterno”.

Giacomo Poretti ricorda di aver imparato a conoscere Totò in televisione, “quando all’incirca una volta al mese uno dei suoi 97 film veniva programmato sulle uniche due reti nazionali che erano a disposizione allora: i film di Totò, assieme alle avventure di Don Camillo e Peppone, costituivano una deroga al rigido orario per andare a dormire istituito dai miei genitori; l’indomani mattina sarei stato più sonnacchioso sul banco ma arricchito di invenzioni linguistiche e di gag comiche esilaranti”.

Ma cosa ci resta della lezione di Totò? Per Giacomo, “la comicità ci permette, temporaneamente e quasi sempre in maniera innocua, di frantumare regole, deformare il senso, disarticolare la grammatica e la sintassi”; in questo senso “Totò è stato un assaltatore del reale, un guastatore della normalità, un dinamitardo della lingua”.

“Fin da bambino – scrive ancora il comico - Totò non mi ha fatto solo ridere, mi ha commosso, intenerito, immalinconito, come fanno tutti i grandi comici: Stanlio e Ollio, Chaplin, Buster Keaton, Cervi e Fernandel, Aldo Fabrizi, Peppino De Filippo, Woody Allen… Perché Totò assiso sul trono principesco della comicità ci guarda da distanze siderali, eppure è uno di noi, si comporta come noi: è bislacco come noi, è fragile come noi, si intristisce come noi; tutti i suoi personaggi sono una galleria dei nostri difetti e del nostro cuore, della nostra furbizia e arguzia, e della nostra purezza”.

 
Totò, un ribelle dinamitardo della lingua digital
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2017 - 1
Anno: 2017
Un ritratto affettuoso del grande attore a 50 anni dalla morte. Una comicità in grado di frantumare le regole e disarticolare la grammatica. Il Principe però non era solo capace di far ridere, ma anche di commuovere. Come nel film Totò e Carolina.
€ 4,00


Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2020 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Dante, l’infinito goccia a goccia
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2020 - 4
Anno: 2020
Fu il poeta del sacro ma non dell’astrazione, piuttosto della precisione, capace di esprimere un’unità semplice: tutto il cammino della Commedia riunisce e unifi ca. Compreso l’amore del creato, come intuì il visionario del deserto Charles de Foucauld.
Gratis