Munoz Molina: Oralità e scrittura: la cultura è racconto

Munoz Molina: Oralità e scrittura: la cultura è racconto

11.03.2015
Oralità e scrittura: la cultura è racconto
Oralità e scrittura: la cultura è racconto
autori: Antonio Munoz Molina
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »
Sono venuto per la prima volta in Italia quando ero ancora uno studente di storia dell’arte. Ero al penultimo anno e avevo seguito un corso molto interessante sul Quattrocento. Era il 1978. Arrivai in Italia insieme a un amico, e attraversammo la penisola in autostop. È stato un viaggio indimenticabile perché, in qualunque posto andassimo, ero in grado di riconoscere i monumenti, gli affreschi, i palazzi. Del resto, la storia ha sempre rivestito per me un ruolo di fondamentale importanza e le mie stesse letture hanno avuto più a che fare con la storia che con la finzione letteraria. Anche se, in realtà, penso che storia e letteratura non siano molto diverse fra loro, dato che entrambe mi consentono di trasmettere l’entusiasmo per tutto ciò che ho la possibilità di scoprire: un autore nuovo, un libro di storia, un manuale scientifico. Da allora, il mio desiderio di conoscenza non si è più placato. Questo stesso desiderio lo metto in relazione con una mia precisa idea di educazione e cultura, perché sono convinto che il progetto illuminista di creare cittadini autonomi e solidali mediante l’educazione sia molto importante. Quando ero bambino si pensava che ogni individuo potesse acquisire nel tempo un certo bagaglio culturale.

Scarica e leggi l'articolo completo.
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Cosa leggono i giovani? La via del contagio subliminale
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 6
Anno: 2021
In un Paese come il nostro dove si legge pochissimo, a partire dalla classe dirigente, è inutile farsi troppe illusioni sugli studenti. Romanzi come Senilità o Fontamara non tirano più, meglio Murakami e Salinger. Ma un professore può ancora essere un maestro.
Gratis