Luigi Campiglio: Sviluppo e demografia: ecco la generazione core

Luigi Campiglio: Sviluppo e demografia: ecco la generazione core

Sviluppo e demografia: ecco la generazione core
Sviluppo e demografia: ecco la generazione core
autori: Luigi Campiglio
formato: Articolo
prezzo:
vai alla scheda »

Nell’anno 1 d.C. la popolazione nel mondo è stata stimata in circa 250 milioni, rimanendo stazionaria a questo livello fino all’anno 1000: sale a 460 milioni nel 1500, 679 nel 1700 e 954 milioni nel 1800. È solo nel XIX secolo che la popolazione supera il miliardo e nel 1850 è stimata in circa 1,2 miliardi (Biraben): nel 1950 la popolazione raddoppia a 2,6 miliardi e nel 2050 le recenti previsioni dell’Onu ipotizzano una popolazione di 9,6 miliardi, che dovrebbero stabilizzarsi e diventare 10,9 miliardi nel 2100.
Il Pil pro-capite nel mondo, e quindi il tenore di vita, sarebbe aumentato di circa 9 volte fra il 1870 e il 2010 (Maddison): il condizionale è d’obbligo perché il mondo del 1870 è difficilmente confrontabile con quello del 2010. Il denominatore ha un certo grado di eterogeneità sul piano fisico e culturale (la popolazione è più alta e più istruita), ma l’eterogeneità è molto più elevata al numeratore, perché nel corso di un secolo e mezzo l’innovazione tecnologica ha completamente cambiato la natura dei beni e servizi e il nostro modo di vivere (è oggi normale accendere la luce o ascoltare la radio). L’ordine di grandezza nell’aumento della popolazione e della qualità della vita è perciò senza precedenti: mai, nei due millenni trascorsi, il mondo era cambiato così radicalmente in un tempo così breve. Popolazione, innovazioni radicali e aumenti della produttività, a beneficio del tenore di vita, sono improvvisamente balzati all’insù. Come ha chiarito Adam Smith, la divisione del lavoro è una delle cause centrali dell’aumento di produttività, la quale a sua volta dipende dall’ampiezza del mercato e quindi, in ultima istanza, dalla popolazione. Se il mondo si sta muovendo verso una popolazione stazionaria, la questione cruciale è quella di disegnare istituzioni tali per cui la società conservi la sua vitalità e la capacità di innovazioni radicali. In questa prospettiva ciò che conta non è la popolazione in sé, ma la sua struttura per generazioni. Dopo tutto al Medioevo dobbiamo gli occhiali, la carta, la bussola (Frugoni) mentre il Rinascimento è dominato dal genio di Leonardo da Vinci. Un nuovo mondo è in formazione e la fase di lunga transizione potrebbe essere dolorosa, per le ferite sociali delle disuguaglianze mondiali e i conflitti che l’hanno finora caratterizzata. È in questa prospettiva che la generazione core acquista un’importanza decisiva.

Scarica e leggi l'articolo completo.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

La leggerezza di Calvino e la guerra dello schwa
Formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 4
Anno: 2022
Anche il linguaggio sta subendo la legge del politicamente corretto. Un processo che trova il suo impianto teoretico nelle Lezioni americane. Come nella cancel culture, per salvaguardare le minoranze in nome dell’inclusività si ripropongono nuove intolleranze.
Gratis

Inserire il codice per attivare il servizio.