Cinque proposte per la scuola italiana

SOLO UNA SCUOLA LIBERA INSEGNA LA LIBERTÀ

05.10.2019
di Dario Antiseri

1. «Ogni scuola, quale che sia l’ente che la mantenga, deve poter dare i suoi diplomi non in nome della Repubblica, ma in nome della propria autorità: sia la scuoletta elementare di Pachino o di Tradate, sia l’Università di Padova o di Bologna, il tito­lo vale la scuola. Se la tale scuola ha una fama riconosciuta, una tradizione rispettabile, una personalità nota nella provincia o nella nazione, o anche nell’ambito internazio­nale, il suo diploma sarà ricercato; se, invece, è una delle tante, il suo diploma sarà uno dei tanti». Questo scriveva don Luigi Sturzo sull’«Illustrazione italiana» il 15 febbraio del 1950. E la tesi di Sturzo è la stessa di quella proposta in molti suoi scritti da Luigi Einaudi, il quale nello Scrittoio del presidente tornava ad insistere, nel 1956, sul fatto che «nulla è più urgente per la salvezza dell’Università italiana che l’abolizione di ogni valore giuridico ai pezzi di carta».

Molti e pressanti sono, fuor d’ogni dubbio, i problemi che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca si trova a fronteggiare (a cominciare da quello della messa in sicurezza degli edifici scolastici), ma, proprio in una situazione del genere, al professor Giuseppe Conte – presidente del Consiglio dei Ministri di un Governo di “discontinuità” – e al ministro Lorenzo Fioramonti, viene da chiedere se l’abolizione del valore legale del titolo di studio – con la cascata di conseguenze “virtuose” che ne deriverebbero – non costituisca un significativo tratto di “discontinuità” nella politica dell’Università, e cioè se non sia essa la giusta, la più efficace e la più urgente terapia per i mali della nostra Università.

2. Dall’Università al nostro più ampio sistema formativo. Ancora Luigi Einaudi [da Scuola e libertà, in Prediche inutili]: «Il danno recato dal monopolio statale dell’istruzione non è dissimile dal danno recato da ogni altra specie di monopolio». E va da sé che, se Einaudi è nel giusto, non si potrà negare che il nostro sistema formativo – intossicato di statalismo – vada sottoposto a misure di forte “discontinuità”.

Chi difende la scuola libera non è contrario alla scuola di Stato: è semplicemente contrario al monopolio statale nella gestione della scuola. Scriveva Gaetano Salvemini su «L’Unità» del 17 ottobre 1913: «Dalla concorrenza delle scuole private libere, le scuole pubbliche – purché stiano sempre in guardia e siano spinte dalla concorrenza a migliorarsi, e non pretendano neghittosamente eliminare con espedienti legali la concorrenza stessa – hanno tutto da guadagnare e nulla da perdere». Sempre su «L’Unità» (17 maggio 1919), Salvemini insisterà ancora sul fatto che «il metodo migliore per risolvere il problema […] è sempre quello escogitato dai liberali del nostro Risorgimento: non vietare l’insegnamento privato, ma mantenere in concorrenza con esso un sistema di scuole pubbliche». La verità è che la concorrenza è la migliore e più efficace forma di collaborazione; è, come dice F.A. von Hayek, una macchina per la scoperta del nuovo da cui scegliere il meglio – e questo vale nella ricerca scientifica, nella vita di una società democratica e nella libera economia. Nel sistema formativo strutturato su linee di competizione, la scuola privata – è di nuovo Salvemini a parlare - «può essere un utile campo di esperimenti pedagogici, rappresenterà sempre un pungiglione ai fianchi della scuola pubblica, e obbligarla a perfezionarsi senza tregua, se non vuole essere vinta e sopraffatta». Di conseguenza: «se nella città, in cui abito, le scuole pubbliche funzionassero male, e vi fossero scuole private che funzionassero meglio, io vorrei essere pienamente libero di mandare i miei figli a studiare dove meglio mi aggrada. Lo Stato ha il dovere di educare bene i miei figli, se io voglio servirmi delle sue scuole. Non ha il diritto di impormi le sue scuole, anche se in esse i miei figli saranno educati male». E non è da oggi che contro le disastrose conseguenze del monopolio statale dell’istruzione si sono schierati, in contesti differenti, pensatori come Alexis de Tocqueville, Antonio Rosmini e John Stuart Mill e, dopo di loro e tra altri ancora, Bertrand Russell, Antonio Gramsci, Luigi Einaudi, Karl Popper, don Luigi Sturzo, Milton Friedman, Friedrich von Hayek e don Lorenzo Milani.

3. «I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli». È questo il principio stabilito nell’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani (1948) – principio che l’Unione Europea ha fatto proprio, con tutta chiarezza, nel 1984 con la Risoluzione sulla libertà di insegnamento, dove al comma 9 dell’articolo 1 si precisa che: «Il diritto alla libertà di insegnamento implica per sua natura l’obbligo per gli Stati membri di rendere possibile l’esercizio di tale diritto anche sotto il profilo finanziario e di accordare alle scuole le sovvenzioni pubbliche necessarie allo svolgimento dei loro compiti e all’adempimento dei loro obblighi in condizioni uguali a quelli di cui beneficiano gli istituti corrispondenti, senza discriminazione nei confronti dei gestori, dei genitori, degli alunni e del personale». Ebbene, in Europa solo l’Italia e la Grecia si sono tenute ben lontane dal pur più piccolo sforzo nell’applicazione di simili fondamentali princìpi. E ciò, nonostante la coraggiosa e lungimirante presa di posizione assunta, a suo tempo, dal Ministro Luigi Berlinguer. «È tempo – egli disse – di chiudere questo conflitto del Novecento: scuole statali contro private. Non esiste, non è più tra noi, ci ha fatto perdere tempo e risorse». E ancora: «Basta guardarsi in giro e si scopre che l’insegnamento è pubblico, fortemente pubblico, ma può essere somministrato da scuole pubbliche, private, religiose, aconfessionali in una sana gara a chi insegna meglio». Così, dunque, Luigi Berlinguer, al quale è legata la Legge 62/2000, in cui si definisce il passaggio dalla “Scuola di Stato” a “Sistema Nazionale di Istruzione” costituito dalla “Scuola Pubblica Statale” e dalla “Scuola Pubblica Paritaria”. Solo che dichiarare giuridicamente uguali Scuola Statale e Scuola Paritaria finanziando solo la prima e lasciando morire di inedia la seconda è un ulteriore inganno perpetrato da una politica cieca e irresponsabile. In Italia, la scuola libera è solo libera di morire. E nel sostanziale silenzio di una agghiacciante resa ai fatti, non ci si rende conto che, con ogni scuola libera che chiude i propri battenti, muore nel nostro Paese un pezzo di libertà. È David Hume ad ammonire che «la libertà non si perde tutta in una volta».

4. Qui va detto che tra le diverse proposte – tese a sradicare in ambito formativo il diffuso, insensato e deleterio pregiudizio stando al quale è buono solo ciò che è pubblico ed è pubblico solo ciò che è statale – la migliore è sicuramente quella del “buono-scuola”. Con il “buono-scuola” i fondi statali, sotto forma di “buoni” non negoziabili (vouchers), andrebbero non alla scuola, ma ai genitori o comunque agli studenti aventi diritto, i quali sarebbero liberi di scegliere la scuola presso cui spendere il loro “buono”. Ed è così, che pressata dall’eventualità di vedere diminuire le iscrizioni alla propria scuola o vedere allievi già iscritti scappare da essa, ogni scuola sarà spinta a migliorarsi, e sotto tutti gli aspetti. In poche parole: quella del “buono-scuola” è una misura in grado di coniugare libertà di scelta, giustizia sociale ed efficienza del sistema formativo – una proposta che, tra l’altro, è una vera e propria carta di liberazione per le famiglie meno abbienti. E ora una domanda al Primo Ministro Conte e al Ministro Fioramonti e, insieme a loro, ai politici sia “ideologici” che “post-ideologici”: uno Stato nel quale un cittadino deve pagare per conquistarsi un pezzo di libertà è ancora uno Stato di diritto?

5. Da sempre, in manifestazioni sindacali, assemblee scolastiche, occupazioni di scuole o anche in tanti convegni sulla scuola non è raro sentire slogan talvolta intrecciati ad insulti contro una scuola paritaria “ladra di risorse” a scapito della scuola statale. Siamo qui davanti ad una ostinata negazione del fatto che le rette pagate dalle famiglie – non sempre ricche – che iscrivono i loro figli alla scuola paritaria fanno risparmiare allo Stato circa sei miliardi di euro l’anno. E, allora, è la scuola paritaria a danneggiare economicamente la scuola di Stato oppure è quel miscuglio avvelenato di statalismo e laicismo a fare del male sia alla scuola statale che a quella paritaria? E non è forse vero che il laicismo, per dirla con Julien Green, ha i suoi bigotti proprio come l’ortodossia? È bene insistervi: il “buono-scuola”, in ultima analisi, è o non è la più efficace tra quelle “migliori pratiche” cui ha fatto riferimento il Presidente Conte in un suo recente intervento al Senato?Da non dimenticare: la libertà dall’ignoranza è alla base di tutte le altre libertà.

Dario Antiseri

Dario Antiseri (Foligno, 1940) è uno dei più importanti filosofi italiani. Già professore ordinario di Metodologia delle scienze sociali, è fra i massimi specialisti del moderno pensiero liberale angloamericano e austriaco, da Popper a von Hayek, e autore di numerosi volumi e articoli. "La sua grande Storia della filosofia" (con G. Reale) è stata più volte riedita e tradotta.

Guarda tutti gli articoli scritti da Dario Antiseri
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Viaggio alle radici del nuovo odio dei classici
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 4
Anno: 2021
Il processo alle discipline umanistiche in voga in Occidente, soprattutto negli Usa, riapre la riflessione sulla storia del classicismo come modello culturale. Un’eredità da salvaguardare, che ha visto intrecciarsi positivamente culture e religioni differenti.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento