Il FENOMENO EDITORIALE DEL GIORNALISTA-SCRITTORE

Il FENOMENO EDITORIALE DEL GIORNALISTA-SCRITTORE

30.04.2022
di Giuliano Vigini

La frammistione e l’interazione fra giornali, gruppi editoriali e società pubblicitarie dello stesso gruppo, da qualche tempo stanno determinando una svolta nell’editoria di consumo. Prima i giornalisti di un determinato giornale scrivevano libri per gruppi diversi dal proprio; adesso, per convinzione, convenienza o per garbati suggerimenti, molti sono tornati a casa. Magari, quando scrivevano libri, erano dei best-seller anche prima; ma ora hanno la consapevolezza di una sicurezza e di una continuità maggiore (scrivere, ad esempio, su più giornali del gruppo, tenere rubriche, fare pubblicità, avere garantita una presenza frequente ai talk-show, condurre trasmissioni ecc.).

Non sono più semplici giornalisti, che più spazio di tanto non possono avere sui loro quotidiani o giornali d’informazione o nei loro programmi. C’è bisogno per loro di un libro ad hoc. Così i giornalisti-scrittori si moltiplicano, perché si aprono per loro nuove strade nel romanzo, nella saggistica, nell’inchiesta, e ci riescono bene, un po’ perché sono bravi (alcuni anche dei fuoriclasse), un po’ perché l’attualità li sollecita e il loro gruppo li “spinge”, li “propone” o li “impone” in modo adeguato. Basti pensare ai 56 libri che, nel giro di poche settimane, sono usciti sulla guerra in Ucraina, su Putin, gli oligarchi e via dicendo.

Naturalmente, niente di male né per scrittori né per editori. Fa parte di un’evoluzione naturale della concorrenza e delle convenienze personali dei singoli. Fatto sta che il giornalismo librario – ossia tutta quell’offerta libraria prodotta da giornalisti – ha preso uno spazio rilevante in tutte le trasmissioni televisive e radiofoniche, secondo un meccanismo ormai ben collaudato. Tu fai gioco a me che ti ospito, perché sei conosciuto e parli bene di qualche argomento di attualità che sto trattando; io faccio gioco a te perché approfitto della tua presenza per presentare il tuo nuovo romanzo o saggio. Niente di sorprendente in questo, perché si tratta di un gioco di specchi, da cui tutti traggono vantaggio, senza particolari costi.

Del resto, questa non è una prerogativa esclusiva delle trasmissioni più propriamente giornalistiche. Da semplice osservatore di programmi televisivi o ascoltatore di programmi radiofonici, non è azzardato parlare di trasmissioni che, almeno in parte, si giovano di trasmissioni altrui. Prendiamo, ad esempio, “Ballando con le stelle” o “Tale e quale show”. Già una settimana prima, concorrenti o giurie vengono invitati a trasmissioni popolari molto seguite; poi nuove presenze il giorno prima o il giorno stesso; poi ad ogni puntata terminata altri protagonisti, con nuovi agganci o polemiche. Tutto fa audience e, naturalmente, ogni tanto ci scappa anche qualche libro (o disco, o film o spettacolo teatrale) uscito o in programmazione.

Il risultato diventa poi molto visibile nelle classifiche librarie, dove i giornalisti salgono spesso ai vertici. Tutti contenti: chi pubblica, chi vende e chi riceve i sacrosanti diritti del proprio lavoro. Spiace solo per tanti altri bei libri sconosciuti che meriterebbero di salire alla luce della ribalta.

Giuliano Vigini

Giuliano Vigini è noto come autore di saggi sull’editoria ed esperto di editoria (disciplina che insegna all’Università Cattolica di Milano) e mercato del libro. È membro di vari premi e comitati editoriali. Ha pubblicato anche numerose opere sulla letteratura cristiana antica, moderna e contemporanea. Collabora con giornali e riviste, tra cui il «Corriere della Sera», «Avvenire», «Famiglia cristiana» e «Vita e Pensiero».

Guarda tutti gli articoli scritti da Giuliano Vigini
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

La leggerezza di Calvino e la guerra dello schwa
Formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 4
Anno: 2022
Anche il linguaggio sta subendo la legge del politicamente corretto. Un processo che trova il suo impianto teoretico nelle Lezioni americane. Come nella cancel culture, per salvaguardare le minoranze in nome dell’inclusività si ripropongono nuove intolleranze.
Gratis

Inserire il codice per attivare il servizio.