Un futuro meno tetro è possibile?

Un futuro meno tetro è possibile?

02.12.2023

di Riccardo Redaelli

I corpi dei bambini uccisi non hanno bandiera. Sono una sconfitta per tutti, quale sia la loro nazionalità o appartenenza religiosa. E sarebbe osceno fare differenze. Ma le migliaia di piccoli uccisi – molti nel brutale, inumano attacco voluto da Hamas il 7 ottobre scorso, moltissimi nella terribile risposta di Israele, qualcuno infine, come il piccolo Kfir, l’ostaggio più piccolo rapito dai terroristi palestinesi, ucciso sembra dalle bombe del suo stesso Paese – testimoniano come le leadership di entrambi gli schieramenti abbiano sempre scelto la violenza e la prova di forza rispetto alla via delle trattative e del tentare una convivenza fra i due popoli.

Sui motivi che hanno spinto Hamas ad attuare la carneficina del 7 ottobre scorso sono stati versati fiumi di inchiostro: sappiamo che vi sono state motivazioni locali, regionali, internazionali. È servita a Hamas per rilanciare la questione palestinese, che tanto Israele quanto le monarchie arabe del Golfo si erano illuse di poter ignorare mentre firmavano i tanto decantati, ma tanto fragili Accordi di Abramo. È servita per umiliare definitivamente la debole e corrotta Autorità nazionale palestinese, il cui declino di popolarità e irrilevanza cresce a ogni nuovo morto palestinese sotto le bombe israeliane. È servita all’Iran, che sostiene Hamas, per scompaginare l’alleanza regionale che lo voleva isolare e marginalizzare.

Ma il clamoroso fallimento della sicurezza nel sud di Israele – finora considerata inscalfibile – ci racconta anche di come la deriva ideologica e fanatizzante dell’ultradestra al potere nello stato ebraico abbia lacerato e indebolito quel Paese. Sono evidenti le responsabilità di Bibi Netanyahu – un politico populista e privo di scrupoli – che ha dato spazio, troppo spazio, nel governo a esponenti del cosiddetto “partito dei coloni”, personaggi come il ministro della sicurezza Itamar Ben-Gvir e il ministro delle finanze Bezalel Smotrich, dichiaratamente razzisti e xenofobi. Da qui le scelte di spostare il grosso delle forze di sicurezza in Cisgiordania, sguarnendo la frontiera di Gaza; fatto ancor più rilevante, il governo di ultradestra ha spinto Israele in una contrapposizione interna lacerante, testimoniata dai mesi di oceaniche manifestazioni contro il governo. E il crollo dei consensi ai partiti di governo rilevato da tutti i sondaggi ci dice come il popolo israeliano li consideri corresponsabili del disastro.

Eppure, proprio la gravità estrema della situazione e il terribile conto dei morti, ormai a decine di migliaia, ha spinto parte della comunità internazionale a cercare di frenare le fazioni più estreme di entrambi gli schieramenti. Washington, dopo anni di negligente distacco, si è riproposta come attore determinato a circoscrivere il conflitto: da un lato, garantisce sostegno economico e militare al governo di Tel Aviv; dall’altro lato ha imposto a Netanyahu di limitare in qualche modo i bombardamenti indiscriminati contro la popolazione civile e soprattutto di accettare una tregua d’armi. L’ambiguo Qatar, che da anni sostiene e finanzia Hamas, è stato altrettanto decisivo nel forzare quel movimento allo scambio di prigionieri per permettere l’arrivo di aiuti umanitari. Queste pressioni internazionali non a caso hanno dato visibilità e importanza in Israele a Benjamin “Benny” Gantz, ex generale a capo dell’opposizione centrista, entrato nel gabinetto di guerra, il quale sembra essere l’interlocutore più affidabile e più razionale oggi nel paese. E a cui si rivolgono sempre più spesso gli inviati del presidente Biden.

La tregua non sembra purtroppo essere servita a rilanciare l’azione dell’Autorità nazionale palestinese. Il declino, anche fisico, del presidente Abu Mazen ne simboleggia la sclerotizzazione e debolezza. A tutto vantaggio dello spietato cinismo di Hamas, che continua a illudere i palestinesi sul fatto che, tramite la violenza, otterranno dei risultati. È storicamente vero il contrario: proprio le violenze palestinesi hanno favorito la penetrazione dei coloni in Cisgiordania e la strisciante, mai dichiarata, “annessione” di fatto di parte di quei territori.

Eppure, per quanto non vi siano grandi margini alla speranza in Terra Santa, proprio il lugubre conto dei morti e le immagini strazianti dei tanti bambini uccisi in queste settimane, deve spingere la comunità internazionale e tutti noi ad agire – ognuno nel proprio ambito – per spingere alla moderazione e alla ricerca di un futuro meno tetro. Come scriveva Papa Francesco nella sua “Fratelli tutti”, dobbiamo tutti noi essere “artigiani della pace”. Crederci e impegnarsi per non lasciare campo agli estremisti e ai violenti di entrambi gli schieramenti.

Riccardo Redaelli

Riccardo Redaelli è professore ordinario di Geopolitica e di Storia e istituzioni dell’Asia presso la Facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Presso lo stesso Ateneo dirige il Centro di Ricerche sul Sistema Sud e il Mediterraneo Allargato (CRiSSMA) e il Master in Middle Eastern Studies dell’ASERI (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali). Autore di numerosi articoli su riviste specializzate e di contributi a volumi miscellanei.

Guarda tutti gli articoli scritti da Riccardo Redaelli
 

Array
(
    [acquista_oltre_giacenza] => 1
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [disabilita_inserimento_ordini_backend] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [has_login] => 1
    [has_messaggi_ordine] => 1
    [has_registrazione] => 1
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [is_ordine_modificabile] => 1
    [moderazione_commenti] => 0
    [mostra_commenti_articoli] => 0
    [mostra_commenti_libri] => 0
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
    [seleziona_metodo_pagamento] => 1
    [seleziona_metodo_spedizione] => 1
)

Ultimo fascicolo

Anno: 2024 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Il nuovo ruolo della religione nella crescita dei populismi
Formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2024 - 2
Anno: 2024
I rapporti tra le religioni vanno considerati in termini di conflitti di valori, più che di conflitti di civiltà. Ma ciò favorisce uno scivolamento identitario. Un incontro pare possibile puntando su azioni comuni piuttosto che su un dialogo dottrinale.
Gratis

Inserire il codice per attivare il servizio.