Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq - Andrea Plebani - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq

digital Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2019 - 3
titolo Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 07-2019
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
Scarica

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Dopo una fase che prefigurava una nuova era, gli ultimi anni hanno registrato un’inversione di tendenza. In Iraq è naufragato il sogno indipendentista e in Siria l’annunciato ritiro delle forze statunitensi può alterare il destino delle comunità.

Biografia dell'autore

Andrea Plebani è ricercatore all’Università Cattolica del Sacro Cuore e associate research fellow all’Istituto per gli Studi di politica internazionale. Tra le sue pubblicazioni vi sono La terra dei due fiumi allo specchio. Visioni alternative di Iraq dalla tarda epoca ottomana all’avvento dello “Stato Islamico” (2018) e Jihadismo globale. Strategie del terrore tra Oriente e Occidente (2016). Con Riccardo Redaelli è autore de L’Iraq contemporaneo (2013).
Articoli che parlano di Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq:
Quale futuro per i curdi dalla Siria all’Iraq   (Dalla rivista)
Dopo una fase che prefigurava una nuova era, gli ultimi anni hanno registrato un’inversione di tendenza. In Iraq è naufragato il sogno indipendentista e in Siria l’annunciato ritiro delle forze statunitensi può alterare il destino delle comunità.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Cosa leggono i giovani? La via del contagio subliminale
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 6
Anno: 2021
In un Paese come il nostro dove si legge pochissimo, a partire dalla classe dirigente, è inutile farsi troppe illusioni sugli studenti. Romanzi come Senilità o Fontamara non tirano più, meglio Murakami e Salinger. Ma un professore può ancora essere un maestro.
Gratis