Donne e violenza, le parole non bastano più - Anna Maria Fellegara - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Donne e violenza, le parole non bastano più

digital Donne e violenza, le parole non bastano più
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2014 - 3
titolo Donne e violenza, le parole non bastano più
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 07-2014
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

È un’aberrazione dal costo individuale e sociale inaccettabile, come tutti gli studi dimostrano: il contrasto al fenomeno non può più essere una pura dichiarazione di principio. L’innovazione normativa è un primo passo, ma serve una sensibilità rinnovata.

Incipit dell'articolo:
«La violenza contro le donne rappresenta una violazione dei diritti della persona riconosciuta da ogni Paese civile e organizzazione internazionale. Al contempo essa appare come un fenomeno storicamente radicato, in forte crescita e presente in culture e società diverse. I dati sono eloquenti: in Italia nel 2013 sono state 130 le donne uccise dal partner, dall’ex o da un familiare (124 nell’anno precedente), un milione le donne fi nite nella rete dei soprusi maschili che si ripetono e arrivano all’incredibile cifra di 14 milioni di atti violenti (dallo schiaffo allo stupro). Una donna su 3, tra i 16 e i 70 anni, è stata vittima nella sua vita dell’aggressività di un uomo. Oltre 25 i casi quotidiani di stalking... ».

Biografia dell'autore

Anna Maria Fellegara è professore ordinario di Economia aziendale all’Università Cattolica del Sacro Cuore, presso la quale è preside della Facoltà di Economia e Giurisprudenza, a Piacenza. È, fra l’altro, vicepresidente di Fondazione Intervita Milano.

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Fratelli tutti nell’ombra dell’Antropocene
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 2
Anno: 2022
La nostra Terra è in pericolo: una prosperità frugale dovrebbe essere all’ordine del giorno, combinando un’economia di risparmio delle risorse con stili di vita differenti in tutto il mondo. Un compito per la cui realizzazione ci vorrà una buona parte del secolo.
Gratis