Di armeni, di ebrei e dei loro destini intrecciati - Antonia Arslan, Vittorio Robiati Bendaud - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Di armeni, di ebrei e dei loro destini intrecciati

digital Di armeni, di ebrei e dei loro destini intrecciati
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2021 - 1
titolo Di armeni, di ebrei e dei loro destini intrecciati
autori
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2021
issn 0042-725X (stampa)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Li accomuna l’imprescindibile carattere nazionale di entrambi, ma anche l’universalità: una Weltanschauung peculiare, che li ha resi unici e inafferrabili, visti con sospetto da ogni processo globalizzante. Perciò vittime di genocidi e violenze anche oggi.

Biografia degli autori

Vittorio Robiati Bendaud, laureato in filosofia e appassionato di storia e letteratura, da anni si impegna nel dialogo ebraico-cristiano a livello internazionale. È stato allievo del rabbino Giuseppe Laras, che è stata una delle voci rabbiniche più autorevoli d’Europa. Discendente di italiani e di ebrei di Libia, è legato indissolubilmente a entrambi i mondi. Tra i suoi libri ricordiamo La stella e la mezzaluna. Breve storia degli ebrei nei domini dell’islam (2018). Antonia Arslan è autrice di saggi fondamentali sulla narrativa popolare e la letteratura femminile tra Ottocento e Novecento. Nel 2004 ha dato voce alle memorie familiari ne La masseria delle allodole, premiato con moltissimi riconoscimenti e tradotto in 15 lingue, da cui i fratelli Taviani hanno tratto l’omonimo film. Tra le sue pubblicazioni più recenti La bellezza sia con te (2018) e Dino Buzzati. Bricoleur & cronista visionario (2019).

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Il mito di Caravaggio e la rincorsa all’attribuzione
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 3
Anno: 2021
Il caso dell’Ecce Homo di Madrid è emblematico del successo del “pittore maledetto” su critica e pubblico. Ma la “caravaggiomania” segna il passo: che si torni a studiarne l’opera non per ribadire o negare le attribuzioni, ma per darne nuove interpretazioni.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento