Al museo per cercare le tracce del divino - Barbara Jatta, Domenica Primerano, Nadia Righi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Al museo per cercare le tracce del divino

digital Al museo per cercare le tracce del divino
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2018 - 4
titolo Al museo per cercare le tracce del divino
Autori , ,
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2018
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Com’è possibile oggi parlare di arte sacra? Realizzare un dialogo aperto con gli artisti? E come rendere sempre più accessibili e comprensibili i capolavori del passato? Un confronto fra tre donne, esperte della questione, nonché direttrici di musei.

Biografia degli autori

Barbara Jatta è direttrice dei Musei Vaticani. Laureata in Storia del disegno, dell’incisione e della grafi ca alla Sapienza di Roma e specializzata in Storia dell’arte, dal 1994 a oggi è stata docente presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. 

Domenica Primerano è direttrice del Museo Diocesano Tridentino e dal 2015 presidente dell’Amei, Associazione musei ecclesiastici italiani. Laureata in Architettura a Venezia, dal 2008 è docente a contratto di Museografi a all’Università di Trento.

Nadia Righi è direttrice del Museo Diocesano di Milano, intitolato al cardinale Carlo Maria Martini. Si è laureata all’Università Cattolica del Sacro Cuore e nello stesso Ateneo ha conseguito la specializzazione in Storia dell’arte.
Articoli che parlano di Al museo per cercare le tracce del divino:
Al museo per cercare le tracce del divino   (Forum)
Com’è possibile oggi parlare di arte sacra? Realizzare un dialogo aperto con gli artisti? E come rendere sempre più accessibili e comprensibili i capolavori del passato? Un confronto fra tre direttrici di musei

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ma le nuove generazioni vogliono uscire dal biancore
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 3
Anno: 2022
A partire dal XXI secolo viviamo nella “società degli shock”. Gli ultimi sono stati il Covid e la guerra in Ucraina. Di qui la sensazione di impossibilità a cambiare il mondo, soprattutto nei giovani. Ma proprio da loro arrivano segnali positivi tutti da valorizzare.
Gratis