Che fine hanno fatto i cristiani del Caucaso? - Claire Yacoub, Joseph Yacoub - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Che fine hanno fatto i cristiani del Caucaso?

digital Che fine hanno fatto i cristiani del Caucaso?
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2014 - 4
titolo Che fine hanno fatto i cristiani del Caucaso?
Autori ,
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2014
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Fra esodi e ritorni, persecuzioni e tentativi di resistenza, la vicenda degli Assiro-Caldei è ancora sconosciuta in Occidente. Ma qualcosa si sta muovendo per un recupero della memoria, una rinascita delle comunità e un’unità fra le Chiese.

Nel centenario della Prima guerra mondiale e del genocidio armeno e assiro-caldeo del 1915, chi conosce l’esistenza degli Assiro- Caldei del Caucaso vittime di quella tragica storia? Chi è a conoscenza del fatto che gli Assiro-Caldei, cristiani della Chiesa d’Oriente detta nestoriana, conosciuti dai russi con il nome di Aissor, parlano ancora oggi l’aramaico, la lingua di Cristo, in regioni caucasiche di grande fascino? Quando si parla di Assiro-Caldei si pensa immediatamente all’Iraq, alla Turchia, all’Iran, alla Siria, al Libano e alla diaspora. La destinazione russa e caucasica (Georgia, Armenia, Azerbaijan, Caucaso del nord), invece, è largamente sconosciuta, e ancor meno lo sono i legami con i russi e la Chiesa ortodossa. Eppure, questa pagina di storia, per molti aspetti dolorosa e largamente rimossa, merita di essere chiarita. Vivendo alla periferia degli imperi turco e persiano, in un ambiente ostile sconvolto dalle guerre e in uno stato di costante insicurezza e indigenza economica, gli Assiro-Caldei cercarono protezione in vista di un futuro migliore.


Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Fratelli tutti nell’ombra dell’Antropocene
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 2
Anno: 2022
La nostra Terra è in pericolo: una prosperità frugale dovrebbe essere all’ordine del giorno, combinando un’economia di risparmio delle risorse con stili di vita differenti in tutto il mondo. Un compito per la cui realizzazione ci vorrà una buona parte del secolo.
Gratis