C’era una volta l’adozione internazionale - Enrico Moretti, Roberto Volpi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

C’era una volta l’adozione internazionale

digital C’era una volta l’adozione internazionale
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2018 - 6
titolo C’era una volta l’adozione internazionale
Autori ,
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2019
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Secondo i dati disponibili più recenti, fra il 2004 e il 2015 c’è stato un calo nel numero dei bambini adottati da 45.000 a 12.000. Un vero e proprio crollo, dovuto alle accuse di neocolonialismo e alla concorrenza della procreazione assistita.

Biografia degli autori

Roberto Volpi, statistico, ha diretto uffi ci statistici pubblici prima della libera professione. Ha progettato il Centro nazionale di documentazione sull’infanzia e l’adolescenza e l’Uffi cio di programmazione sanitaria del Comune di Firenze; ha coordinato i lavori per il Piano strategico del Comune di Pisa. Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo, con Vita e Pensiero, La nostra società ha ancora bisogno della famiglia? Il caso Italia (2014) e Dall’Aids a Ebola. Virus ed epidemie al tempo della globalizzazione (2015).  

Enrico Moretti, statistico della società Numeria Srl, si occupa da venti anni di tematiche in ambito educativo e sociale attraverso rapporti di consulenza con enti pubblici e privati. Tra le principali collaborazioni è stabilmente impegnato con l’Istituto degli Innocenti di Firenze per il quale cura anche le attività statistiche della Commissione per le adozioni internazionali.

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ma le nuove generazioni vogliono uscire dal biancore
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 3
Anno: 2022
A partire dal XXI secolo viviamo nella “società degli shock”. Gli ultimi sono stati il Covid e la guerra in Ucraina. Di qui la sensazione di impossibilità a cambiare il mondo, soprattutto nei giovani. Ma proprio da loro arrivano segnali positivi tutti da valorizzare.
Gratis