1940: l’Italia entra in guerra. Perché? - Ernesto Galli della Loggia, Agostino Giovagnoli - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

1940: l’Italia entra in guerra. Perché?

digital 1940: l’Italia entra in guerra. Perché?
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2020 - 3
titolo 1940: l’Italia entra in guerra. Perché?
autori
curatore Roberto Presilla
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 07-2020
issn 0042-725X (stampa)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Tra errori e scelte strategiche, l’avventura tragica che è costata milioni di vite umane: i motivi che condussero Mussolini e l’Italia a prendere parte alla Seconda guerra mondiale. Il ruolo dell’esercito, del re, dell’opinione pubblica e della Chiesa.

Biografia degli autori

Ernesto Galli della Loggia, storico, è stato a lungo docente di Storia contemporanea e poi di Storia dei partiti e dei movimenti politici all’Università di Perugia. Dal 2005 al 2007 è stato preside della Facoltà di Filosofi a dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dal 2009 al 2015 è stato ordinario di Storia contemporanea all’Istituto italiano di scienze umane (Sum) di Firenze. È editorialista del «Corriere della Sera» e autore di numerosi volumi, l’ultimo dei quali è L’aula vuota. Come l’Italia ha distrutto la sua scuola (2019).

Agostino Giovagnoli insegna Storia contemporanea all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Fra i suoi libri La cultura democristiana (1991), Il partito italiano (1996), Storia e globalizzazione (2003), Il caso Moro (2009), Chiesa e democrazia. La lezione di Pietro Scoppola (2011), La Repubblica degli italiani. 1946-2016 (2016), Sessantotto. La festa della contestazione (2018).


Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Il mito di Caravaggio e la rincorsa all’attribuzione
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 3
Anno: 2021
Il caso dell’Ecce Homo di Madrid è emblematico del successo del “pittore maledetto” su critica e pubblico. Ma la “caravaggiomania” segna il passo: che si torni a studiarne l’opera non per ribadire o negare le attribuzioni, ma per darne nuove interpretazioni.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento