Ma cosa c’entra la matematica con la letteratura poliziesca? - Gian Italo Bischi, Giovanni Darconza - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Ma cosa c’entra la matematica con la letteratura poliziesca?

digital Ma cosa c’entra la matematica con la letteratura poliziesca?
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2019 - 6
titolo Ma cosa c’entra la matematica con la letteratura poliziesca?
Autori ,
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2020
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Dal positivismo al postmodernismo ecco alcuni esempi di intrecci possibili, a cominciare dai romanzi a enigma di Edgar Allan Poe, ove l’investigatore ristabilisce l’ordine. Per arrivare a Borges e Dürrenmatt, prigionieri del principio di indeterminazione.

Biografia degli autori

Gian Italo Bischi è professore ordinario di Metodi matematici per l’economia presso l’Università di Urbino. Si occupa anche di connessioni fra la matematica e gli altri campi del sapere, e nell’ambito di questa attività di divulgazione ha pubblicato i saggi Matematica e letteratura. Dalla Divina Commedia al noir (2015), La matematica secondo Sinisgalli (2017, con L. Curcio), Lo specchio, il labirinto e la farfalla. Il postmoderno in letteratura e matematica (2018, con G. Darconza). Giovanni Darconza è narratore, poeta, traduttore e docente di Letteratura e cultura spagnola e Letterature comparate presso l’Università degli Studi di Urbino «Carlo Bo». Tra i suoi lavori recenti: Il detective, il lettore e lo scrittore. L’evoluzione del giallo metafi sico in Poe, Borges, Auster (2013), Lo specchio, il labirinto e la farfalla. Il postmoderno in letteratura e matematica (2018, con G.I. Bischi).

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ma le nuove generazioni vogliono uscire dal biancore
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 3
Anno: 2022
A partire dal XXI secolo viviamo nella “società degli shock”. Gli ultimi sono stati il Covid e la guerra in Ucraina. Di qui la sensazione di impossibilità a cambiare il mondo, soprattutto nei giovani. Ma proprio da loro arrivano segnali positivi tutti da valorizzare.
Gratis