Per una teologia delle emozioni - Gianfranco Ravasi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Per una teologia delle emozioni

digital Per una teologia delle emozioni
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2014 - 4
titolo Per una teologia delle emozioni
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 09-2014
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Come notava Ivan Illich, uno dei drammi contemporanei è «la perdita dei sensi», che si manifesta oscillando tra i due estremi della bulimia sensoriale e di un’anoressia astratta, “digitalizzata”. Perché occorre una grammatica del sentire emozionale biblico.

 «Come chi, messosi in mare su di una barchetta, viene preso da immensa angoscia nell’affidare  un piccolo legno all’immensità delle onde, così anche noi soffriamo mentre osiamo inoltrarci in così vasto oceano di misteri» (In Genesim Homiliae IX, PG 12, 210). La stessa tensione di cui parla Origene alla soglia della sua impresa di commentare omileticamente la Genesi si ripete in chi vuole tentare anche solo un abbozzo della teologia biblica delle emozioni. Due sono le ragioni di questa paura. Da un lato c’è l’enorme fl uidità della defi nizione e classifi - cazione delle emozioni: in uno studio pubblicato nel 1981 da due ricercatori del Georgia Southern College (P.R. Kleinginna Jr. - A.M. Kleinginna, A categorized list of emotion defi nitions, with suggestions for a consensual definition, «Motivation and Emotion», 5, 1981, 4), si elencavano ben 92 definizioni a cui si accostavano 9 dichiarazioni scettiche sulla possibilità di definire una realtà così mutevole, affidata anche nella Bibbia – come vedremo – a una costellazione lessicale e simbolica complessa e varia.  


Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 2

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Fratelli tutti nell’ombra dell’Antropocene
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 2
Anno: 2022
La nostra Terra è in pericolo: una prosperità frugale dovrebbe essere all’ordine del giorno, combinando un’economia di risparmio delle risorse con stili di vita differenti in tutto il mondo. Un compito per la cui realizzazione ci vorrà una buona parte del secolo.
Gratis