Ma il cinema italiano dimentica la diversità - Goffredo Fofi - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Ma il cinema italiano dimentica la diversità

digital Ma il cinema italiano dimentica la diversità
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2005 - 6
titolo Ma il cinema italiano dimentica la diversità
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 11-2005
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 3,60

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Marginali, vagabondi, handicappati: da Rossellini ad Amelio sono ben pochi i casi in cui i registi italiani hanno affrontato queste situazioni. Il più coraggioso è stato Fellini, con le sue figure di “poveri di spirito” toccati dalla Grazia.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 4

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Viaggio alle radici del nuovo odio dei classici
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 4
Anno: 2021
Il processo alle discipline umanistiche in voga in Occidente, soprattutto negli Usa, riapre la riflessione sulla storia del classicismo come modello culturale. Un’eredità da salvaguardare, che ha visto intrecciarsi positivamente culture e religioni differenti.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento