Come si può essere jihadisti? A proposito del male radicale - Julia Kristeva - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Come si può essere jihadisti? A proposito del male radicale

digital Come si può essere jihadisti? A proposito del male radicale
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2016 - 1
titolo Come si può essere jihadisti? A proposito del male radicale
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 03-2016
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Non basta bombardare Daesh, incarcerare gli estremisti o promettere di trovare lavoro ai giovani disoccupati delle periferie. Diamo un ruolo prioritario alla formazione, capace di rispondere al bisogno di credere e al desiderio di sapere degli adolescenti.
Articoli che parlano di Come si può essere jihadisti? A proposito del male radicale:
La guerra contro il male radicale   (La redazione consiglia)
L’avvicinamento degli adolescenti “radicalizzabili” fa parte della guerra virale che si diffonde nel mondo. Come possiamo reagire di fronte al male radicale? È urgente esercitare un controllo attento ai punti deboli nelle possibili prede dei folli di Dio - ci dice Julia Kristeva - che si annidano, spesso inavvertite, ai margini della società o nelle patologie latenti.
Kristeva: Come si può essere jihadisti?   (Frontiere)
Non basta bombardare Daesh, incarcerare gli estremisti o promettere di trovare lavoro ai giovani disoccupati delle periferie. Diamo un ruolo prioritario alla formazione, capace di rispondere al bisogno di credere e al desiderio di sapere degli adolescenti.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 6

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Cosa leggono i giovani? La via del contagio subliminale
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 6
Anno: 2021
In un Paese come il nostro dove si legge pochissimo, a partire dalla classe dirigente, è inutile farsi troppe illusioni sugli studenti. Romanzi come Senilità o Fontamara non tirano più, meglio Murakami e Salinger. Ma un professore può ancora essere un maestro.
Gratis