Di cosa sono sintomo i nazionalismi? - Julia Kristeva - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Di cosa sono sintomo i nazionalismi?

digital Di cosa sono sintomo i nazionalismi?
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2019 - 2
titolo Di cosa sono sintomo i nazionalismi?
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 05-2019
issn 0042-725X (stampa)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il riproporsi del nazionalismo sotto varie facce oggi in Europa rischia di essere una bomba a scoppio ritardato. Spesso diventa una sorta di antidepressivo e va analizzato con estrema serietà. La questione dell’identità e il rifiuto dello straniero.

Biografia dell'autore

Julia Kristeva, scrittrice e psicoanalista, insegna Linguistica e Semiologia all’Università di Parigi. Esponente di spicco della corrente strutturalista francese, ha poi rivolto i suoi interessi alla psicoanalisi e, più recentemente, al tema del credere. Fra i suoi volumi usciti in italiano, Bisogno di credere (2006), Teresa, mon amour (2008), Stranieri a noi stessi. L’Europa, l’altro, l’identità (2014), La vita, altrove (2017), C’è dell’altro. Saggi su psicoanalisi e religione (Vita e Pensiero, 2019). Questo intervento è stato tenuto alla Maison de l’Unesco di Parigi il 6 ottobre 2018.
Articoli che parlano di Di cosa sono sintomo i nazionalismi?:
Di cosa sono sintomo i nazionalismi?   (Dalla rivista)
Il riproporsi del nazionalismo sotto varie facce oggi in Europa rischia di essere una bomba a scoppio ritardato. Spesso diventa una sorta di antidepressivo e va analizzato con estrema serietà. La questione dell’identità e il rifiuto dello straniero.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Il mito di Caravaggio e la rincorsa all’attribuzione
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 3
Anno: 2021
Il caso dell’Ecce Homo di Madrid è emblematico del successo del “pittore maledetto” su critica e pubblico. Ma la “caravaggiomania” segna il passo: che si torni a studiarne l’opera non per ribadire o negare le attribuzioni, ma per darne nuove interpretazioni.
Gratis

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento