Sviluppo e demografia: ecco la generazione core - Luigi Campiglio - Vita e Pensiero - Articolo Rivista Vita e Pensiero

Sviluppo e demografia: ecco la generazione core

digital Sviluppo e demografia: ecco la generazione core
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2015 - 4
titolo Sviluppo e demografia: ecco la generazione core
Autore
Editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 10-2015
issn 0042-725X (stampa) | 2785-1125 (digitale)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Nel linguaggio contemporaneo la popolazione di età compresa fra i 20 e i 39 anni è il simbolo di un centro vitale. Rappresenta, in altri termini, un potenziale innovativo tale da rivelarsi cruciale per la crescita e il progresso economico di un Paese.

Biografia dell'autore

Luigi Campiglio è professore ordinario di Politica economica nella facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Già pro rettore vicario presso lo stesso Ateneo dal 2002 al 2010, è stato visiting scholar e fellow di numerose università estere e componente Cnr per la ricerca nazionale. Ha scritto diversi saggi, libri e articoli per riviste italiane ed estere. I suoi attuali interessi di ricerca riguardano l’analisi della crisi economica europea, generazioni e sviluppo economico, distribuzione del reddito, consumi e povertà. È direttore della «Rivista Internazionale di Scienze Sociali».

Articoli che parlano di Sviluppo e demografia: ecco la generazione core:
Luigi Campiglio: Sviluppo e demografia: ecco la generazione core   (Scenari economici)
Nel linguaggio contemporaneo la popolazione di età compresa fra i 20 e i 39 anni è il simbolo di un centro vitale. Rappresenta, in altri termini, un potenziale innovativo tale da rivelarsi cruciale per la crescita e il progresso economico di un Paese.

Ultimo fascicolo

Anno: 2022 - n. 3

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ma le nuove generazioni vogliono uscire dal biancore
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2022 - 3
Anno: 2022
A partire dal XXI secolo viviamo nella “società degli shock”. Gli ultimi sono stati il Covid e la guerra in Ucraina. Di qui la sensazione di impossibilità a cambiare il mondo, soprattutto nei giovani. Ma proprio da loro arrivano segnali positivi tutti da valorizzare.
Gratis