Il tuo browser non supporta JavaScript!

Donne e lavoro, una paradossale felicità

digital Donne e lavoro, una paradossale felicità
Articolo
rivista VITA E PENSIERO
fascicolo VITA E PENSIERO - 2020 - 2
titolo Donne e lavoro, una paradossale felicità
autori

editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 05-2020
issn 0042-725X (stampa)
€ 4,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Il gap fra uomini e donne è ancora evidente, ma secondo ricerche recenti queste ultime sono tutto sommato più soddisfatte. Hanno meno aspettative e propensione alla competitività. Decisiva la possibilità di conciliare impegni famigliari con responsabilità lavorative.

Biografia degli autori

Margherita Agnoletto collabora con il Centro ricerche sul lavoro «Carlo Dell’Aringa» (Crilda) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove si occupa di analisi dei mercati locali del lavoro. Nelle sue ricerche ha studiato la soddisfazione sul lavoro in relazione agli orientamenti di genere. Lorenzo Cappellari è professore di Economia politica presso il Dipartimento di Economia e finanza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, dove insegna Economia del lavoro. Le sue ricerche riguardano principalmente il mercato del lavoro e la mobilità intergenerazionale. È coordinatore presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore del progetto di interesse di Ateneo «Lotta alla povertà: ricerca empirica in supporto delle politiche pubbliche». Astrid Gamba è ricercatrice di Economia politica presso il Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi dell’Insubria, dove insegna Microeconomia. Si occupa di teoria dei giochi, economia comportamentale ed economia pubblica, tematiche su cui ha pubblicato in alcune tra le principali riviste internazionali. È stata research fellow presso il Max Planck Institute di Jena e l’Università di Milano Bicocca.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 1

Iscriviti a VP Plus+

* campi obbligatori

In evidenza

Ludwig Wittgenstein, la religiosità negata
formato: Articolo | VITA E PENSIERO - 2021 - 1
Anno: 2021
Delimitare il “dicibile” per proteggere l’“ineffabile”: è questo il senso del Tractatus, di cui i neopositivisti hanno dato una lettura parziale. Una vena spirituale sempre presente, sin da quando, prigioniero a Cassino, leggeva il Vangelo e Dostoevskij ai detenuti.
Gratis